Archivi tag: Graffiti Writing

PANICO TOTALE Pisa Convention 1996 – 2000 | Presentazione del libro @ Cantiere Sanbernardo Pisa

PANICO TOTALE Pisa Convention 1996 – 2000 di Alessandra Ioalé

Presentazione

Venerdì 9 dicembre 2016 ore 19.15

Cantiere Sanbernardo

Via Pietro Gori angolo Via San Bernardo

Pisa

Ore 19.30 incontro con l’autrice

Ore 21.00 Dj set a cura di Dj Drago, Dj herrera, Dj Fonx, Jeff Raniero

Ore 22.30 concerto dei FUNKRimini

manifesto

Venerdì 9 dicembre alle ore 19.30 presso il Cantiere San Bernardo di Pisa si terrà la presentazione del libro “PANICO TOTALE Pisa Convention 1996 – 2000” di Alessandra Ioalé, accompagnata da una mostra di documenti originali. Il libro, autoprodotto e in edizione limitata, sarà presentato per il 20° anniversario dalla prima edizione di Panico Totale, la manifestazione che dal 1996 al 2000 ha raccolto tutta la cultura di strada italiana a Pisa. Ospiti della serata, insieme all’autrice moderata da Francesca Holsenn, saranno i ragazzi che organizzarono Panico Totale: WizardCoppoDrago Fonx. Quest’ultimi due inoltre suoneranno insieme ad Herrera e Jeff Raniero regalando al pubblico un bellissimo dj set dalle 21 in poi. A seguire il concerto dei FUNKRimini dalle 22.30.

copertina

Cantiere Sanbernardo www.cantieresanbernardo.it

Barcellona custodisce una tag in un puzzle di 100 Persianas by MVIN | Video

 

Negli ultimi mesi, l’artista che si fa chiamare “vandalist” MVIN restando nell’anonimato, ha dipinto a spray nella completa illegalità (indossando un giubbotto giallo all’apparenza ufficiale per non dare nell’occhio alle forze dell’ordine) ben 100 saracinesche/serrande chiuse in giro per Barcellona. Nel loro insieme questi 100 pezzi ricostruiscono la tag dell’artista/writer.  E’ la tag più elaborata e grande al mondo mai realizzata, possibile da leggere soltanto ricostruendo il puzzle di fotografie delle 100 serrande postate sul profilo del progetto 100 Persianas. Altrimenti per chi si trovasse nella capitale catalana, può munirsi di buone scarpe da tennis e andare in giro a scoprire i pezzi e fotografarli attraverso la mappa che si trova postata qui (fonte della notizia) -> http://www.techinsider.io/mvin-artist-creates-giant-mural-in-spain-2016-6

Videointervista a Chris “DAZE” Ellis per NOW and LATER @ Avantgarden Gallery Milan

Videointervista a cura di Francesca Holsenn e Alessandra Ioalé, realizzata in occasione della prima personale milanese di Chris “DAZE” Ellis ad AVANTGARDEN GALLERY 

Montaggio video Davide Barbafiera

Testo critico della mostra di Alessandra Ioalé e Francesca Holsenn —> http://wp.me/P39IgZ-aZ  

NOW and LATER rimarrà aperta fino al 15 maggio 2016 presso Avantgarden Gallery, via Cadolini 29, Milano.

Photo courtesy by Avantgarden Gallery

 

SOFLES | GRAFFITI MAPPED @ WHITE NIGHT MELBOURNE 2015 | Video

On Saturday the 21st of February, Sofles – Graffiti Mapped premiered at Melbourne’s largest cultural festival, White Night Melbourne. Attended by over 500,000 people and running from 7pm – 7am, the festival takes over Melbourne’s CBD for a one night only artistic extravaganza.

Many months in the making, Sofles – Graffiti Mapped is an innovative step forward for the world of graffiti and technology. Sofles – Graffiti Mapped explores the intrinsic connection between graffiti, street art and technology through a combination of 3D video mapping, traditional street art and graffiti techniques and motion design.

Over 5 stories high, Sofles’ inner city mural is his biggest work to date. Add to that Grant Osborne’s incredibly detailed motion design and a musical score by New Zealand music producer Opiuo, and you have a truly innovative work of art. Visible for one night only, but destined to leave an impression on the city’s skyline Sofles- Graffiti Mapped was one of the most exciting events of the entire White Night Melbourne festival.

Video Shot/Cut: Selina Miles.
http://selinamiles.com

Mural by Sofles
@sofles

Motion Design by Grant Osborne
http://www.grantosborne.net/

Soundtrack by Opiuo.
https://soundcloud.com/opiuo
Soundtrack by Millions Like Us
https://soundcloud.com/millionslikeus

Creative Director – Shaun Hossack
http://juddyroller.com.au/

REVOK | An intimate video portrait by House Beer

Volete conoscere più intimamente la figura di uno dei writers più carismatici e più potenti del Graffiti Writing mondiale, e la sua maturazione come artista nel panorama contemporaneo internazionale, direttamente dalla sua voce?!?!?! Ecco il video-ritratto di Revok nel suo studio prodotto da House Beer per la sua nuova personale a Los Angeles.

An intimate portrait of Revok as he prepares for his solo show in Los Angeles and talks candidly about maturation as an artist.

http://www.revok1.com/

 

PERMANENT | Slang Solo Show in Chicago

Questo slideshow richiede JavaScript.

A un mese dal mio rientro, trovo finalmente il tempo per raccontarvi qualcosa del mio viaggio nella città patria del Blues, della Motown, di Al Capone, di quello che un tempo fu il proibizionismo, del contrabbando di alcolici, del capitalismo americano e del Presidente Obama, insomma di Chicago. Ci sarebbero moltissime cose bellissime di cui vi potrei parlare, dagli spettacolari grattaceli del Loop, che si affacciano sul Lago Michigan come il John Hancok Center dal quale mi sono gustata la spettacolare vista dall’alto della città, alle numerose opere mozzafiato di arte pubblica contemporanea, che si trovano in giro per la city come il Cloud Gate di Anish Kapoor al Millenium Park; fino agli affascinanti sobborghi multietnici, come Wiker Park, Ukrainian Village, Bucktown e West Loop in cui si trovano tante gallerie, negozi e locali che offrono al cittadino come al turista una ricca scelta culturale da vivere, guardare e rimanerne a bocca aperta, da assaporare, da conoscere ed esperire. Ciò su cui invece mi vorrei soffermare è forse qualcosa di meno “in” oppure più marginale (per me no) rispetto a tutto quello che ho visto e fatto o che si può vedere e fare in questa magnifica città.

Inizio col dirvi che il Venerdì sera a Chicago è giorno sacro per le inaugurazioni di mostre e gli open studios, e uno dei luoghi per eccellenza è il quartiere messicano di Pilsen, in cui è concentrata una buona parte del distretto culturale e galleristico della città e dove edifici come quello nelle foto qui sotto prendono fuoco animandosi di galleristi, opere d’arte, artisti che dialogano con un pubblico attento, curioso e interessato.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Andando ad ovest nel cuore di West Pilsen, in una zona un po’ buia e silenziosa, la nostra attenzione è catturata però dalla musica rap e funk proveniente dall’interno di un capannone industriale (in mattoncini rossi american style) e dal brusio di voci, di slang, di yo e quant’altro che ammiravano e discutevano le opere di uno dei graffiti writer di Chicago che da oltre trent’anni è attivo nella sua città e non solo, esposte all’interno. E io mi dico, guarda un po’ dove ci hanno portato i nostri amici! Ero super gasata perché ci trovavamo proprio all’inaugurazione di Permanent, la personale di Slang alla 15th & West gallery!

“I like to think of the process as giving birth/creation to something permanent“.

Aggirarsi per le mega sale e vedere i suoi stupendi bozzetti colorati su carta datata ’70 e ’80, gli sketchs, le opere su carta, su tela e in legno, che raccontano la sua città, il suo vissuto in essa, la sua esperienza urbana attraverso elementi semplici, decodificabili, dettagli riconoscibili, è stata veramente un’esperienza importante e bella che tutti quelli che studiano questa disciplina dovrebbero fare spesso.

Slang_Permanent 2_low

Slang_Permanent 5

www.slangism.com